'

Philosophy Kitchen

Com’è noto, il volume XI della Husserliana 1 (1966) raccoglie i manoscritti che Husserl dedica al problema delle sintesi passive tra il 1918 e il 1926. In realtà, la più recente pubblicazione dei Bernauer Manuskripte nel volume XXXIII (2001), a cui Husserl lavorò con Edith Stein nelle estati 1917 e ’18, mostra come la tematica della passività fosse latentemente presente già da molto tempo, in quanto strettamente connessa con il problema – «il più complesso di tutti i problemi fenomenologici» (Husserl 1966a, 276) – della coscienza interna del tempo. E se si considera che quest’ultimo tema occupa Husserl almeno fin dai corsi sulla percezione del 1905-’08 (raccolti in Hua X e XVI), è lecito almeno supporre che la fenomenologia genetica “covasse” nel laboratorio fenomenologico husserliano molto prima degli anni Venti.

PK#12 \ La presenza impossibile. Husserl e le sintesi passive

Anno più anno meno, un secolo fa. Un secolo in cui si è tentato dapprima di archiviare la fenomenologia husserliana, per fare spazio alle grandi ondate culturali esistenzialiste, strutturaliste e post-strutturaliste, per poi ridarle nuova linfa innestandola su tradizioni di pensiero anche molto lontane dalle sue origini. La storia della fenomenologia nell’ultimo secolo è dunque caratterizzata dalla sua continua ibridazione con altri modelli filosofici – iniziata ben prima della morte di Husserl: si pensi al § 7 di Sein und Zeit, dove troviamo in nuce il concetto di “fenomenologia dell’inapparente” (Heidegger 1976, 59) – e, soprattutto, con intenti teorici molto frequentemente in aperto contrasto con lo spirito fenomenologico che ha da sempre animato le ricerche husserliane.

 
PK#12 \ La presenza impossibile. Husserl e le sintesi passive

A cura di Claudio Tarditi e Alberto Giustiniano


Scarica PDF


English version


DOI: https://doi.org/10.13135/2385-1945/12.2020


Pubblicato: marzo 2020

 

Indice


EDITORIALE

Claudio Tarditi - Le sintesi passive, un secolo dopo [PDF It]


Filippo Nobili - Oltre la stratificazione costitutiva:
per una lettura dialettico-ricorsiva del rapporto tra passività e attività in Husserl
[PDF It]

Eugenio Buriano - L’arca dell’origine. Follia tolemaica e deponenza del trascendentale nell’ultimo Husserl [PDF It]

Alessandra Campo - Presenza impossibile, assenza necessaria: aporia, diaporia ed euporia delle analisi husserliane sulla passività [PDF It]

Steven DeLay - Being Oneself Self-Consciousness in Husserl and Henry [PDF En]

Giovanni Jan Giubilato - A First Glimpse into the Ultimate Absolute. The Emergence of Genetic Analyses in Husserl’s Beranuer Manuscripts on Time-Consciousness and the Exploration of the Realm of Passivity [PDF En]

Stefano Gonnella - La sintesi passiva e le radici iletiche della sensibilità [PDF It]

Lavinia Martelli - Genesi passiva e hyle: la fondazione della coscienza trascendentale [PDF It]


OFF TOPIC

Raimondo Cubeddu - L'epicureismo nell'opera di Leo Strauss [PDF It]

Sergio Benvenuto - Freud oggi: che cosa mi pare essenziale conservarne [PDF It]