'

Philosophy Kitchen

ob_83988a_rene-magritte-les-valeurs-personnelles-1952

Ontologie. Realtà delle cose e cose della realtà

(III, n. 4, marzo 2016)

A cura di Claudio Tarditi

 

Se il Novecento è universalmente riconosciuto come il secolo della crisi dell'ontologia e della metafisica moderne, è altresì testimone di una grande "rinascita" dell'ontologia, tanto in ambito continentale quanto analitico. In altri termini, il dibattito contemporaneo ha visto, e vede tuttora, fiorire una pluralità di prospettive incentrate sull'ontologia e sulla sua rilevanza essenziale per il discorso filosofico. Alle grandi critiche dell'ontologia proposte da Heidegger, Derrida, Whitehead, Russell, Carnap e Wittgenstein - solo per citare alcuni tra gli autori più noti in Europa e oltreoceano - è seguito un profondo ripensamento dello statuto dell'ontologia e della sua funzione nella descrizione e comprensione del reale. Del resto, già la fenomenologia husserliana, ben prima che Heidegger diagnosticasse la fine della metafisica occidentale e la necessità della sua Destruktion, contiene elementi decisivi per un possibile ripensamento dei problemi legati allo statuto ontologico del reale. È dunque un fatto storico che i vari approcci critici contemporanei all'ontologia hanno, per così dire, liberato nuovi modelli teorici in grado di fornire una molteplicità di risposte alla questione fondamentale cosa significa affermare che qualcosa esiste o può essere detto esistente?

Il quarto numero di Philosophy Kitchen intende dunque ricostruire tale recente dibattito nei suoi snodi teorici essenziali, offrendo così un utile e accessibile strumento scientifico per percorrere trasversalmente i maggiori modelli di ontologie oggi presenti nella discussione filosofica.

 

 

Sono benvenuti saggi dedicati in particolare alle seguenti questioni:

  • Gli approcci fenomenologici al problema dell'ontologia;
  • Le ontologie di stampo ermeneutico;
  • Gli approcci decostruzionisti all'ontologia;
  • Le ontologie analitiche;
  • Le teorie degli oggetti;
  • Il dibattito su oggetti e eventi;
  • I differenti modelli di realismo ontologico;
  • I possibili intrecci tra l'ontologia e la questione del trascendentale;
  • Il problema del rapporto tra ontologia e schemi concettuali;
  • Il rapporto tra ontologia e storia;
  • Il rapporto tra ontologia e etica;
  • Il rapporto tra ontologia e estetica;
  • Il rapporto tra ontologia e pensiero politico.

 

Indicazioni generali

Regolamento

Norme redazionali

Layout articolo

Numero caratteri: 20.000-40.000 (formato .doc)

Blind Review: i contributi devono essere inviati in forma anonima e privi di indicazioni che possano lasciar trapelare l’identità dell’autore

Abstract inglese (1.500 caratteri)

Termine ultimo di consegna: 15 febbraio (2016)

Ontologies. Reality of Things and Things of Reality

(III, n.4, March 2016)

 

Even though the XXth century is usually described as a period marked by the crisis of ontology and metaphysics, nevertheless in recent years there has been an extended and widespread reprisal of ontological themes in both continental and analytical philosophy. In other words, contemporary thought has witnessed, up to present day, the emergence of a variety of different viewpoints on ontology and its fundamental role for philosophical discourse. Indeed, after the various attacks on traditional ontology conceived, among others, by Heidegger, Derrida, Whitehead, Russell, Carnap and Wittgenstein, a profound reconsideration of the validity of ontology and its capacity to comprehend reality has followed. As a matter of fact, long before Heidegger's Destruktion of Western metaphysics, even Husserl's phenomenology included decisive elements that render possible a re-evaluation of the issues concerning the ontological status of reality. For this reason, it is undisputable that the various critical approaches of contemporary thought to ontology resulted in the elaboration of new theoretical models capable of giving new multiple insights into the basic questions of ontology: what does it mean to assert that something exists or may be considered as existent?

Therefore, the fourth volume of Philosophy Kitchen aims to provide a reconstruction of this recent debate and its crucial points, in order to create a useful and accessible tool capable of covering the main ontological perspectives present in the current philosophical discourse.

 

 

Texts focused on the following topics are particularly welcome:

  • Phenomenological approaches to ontology
  • Hermeneutic ontologies
  • Deconstructionist approaches to ontology
  • Analytical ontologies
  • Theories of objects
  • Object-oriented ontology
  • The current debate on objects and events
  • The different varieties of ontological realism
  • Possible intersections between ontology and transcendental philosophy
  • The question of the relationship between ontology and conceptual schemes
  • Connections between ontology and history
  • Connections between ontology and ethics
  • Connections between ontology and aesthetics
  • Connections between ontology and political thought

 

General guidelines

Guideline

Editorial requirements

Layout Paper

Paper length: 3300 – 6600 words (or 20,000-40,000 characters) in .doc format

Blind Review: papers should be submitted anonymous and give no indication of the author’s identity

English abstract (250 words/1,500 characters)

Final date for submission: 15 february (2016)

Contacts 

Philosophy Kitchen

Università degli Studi di Torino

Via Sant'Ottavio, 20 - 10124 Torino

mobile: +39 348/4081498

e-mail: redazione@philosophykitchen.com

website: www.philosophykitchen.com